Le migliori fotografie
sono quelle che faresti non appena finito il rullino.

La Notte di Pinocchio

Protagonista il burattino vivente più conosciuto al mondo, che dopo esser stato trasformato in bambino in carne ed ossa, ha vissuto ed è invecchiato. Che ne è stato della sua vita? Cosa è rimasto della sua infanzia fiabesca, quale è stato il prezzo pagato per averla scambiata con una vita reale?

In una fredda notte di inverno, Pinocchio, nella bottega di falegname ereditata dal padre, deve affrontare alcuni fantasmi del suo passato remoto e fiabesco. Insieme a loro dovrà cercare di decifrare la difficile eredità di una vita da burattino incompleto e grottesco ma anche felice mito di se stesso.

Una formidabile vita terminata con la fine della favola e ricominciata con l’inizio della vita vera, una vita normale, che Da individuo curioso e vitale, quel grezzo burattino ha smussato con fatica gli angoli della sua diversità e ha finito per conformarsi agli schemi comuni, convinto di avere così raggiunto la libertà, quando in realtà è accaduto l'esatto opposto.

Questo insolito Pinocchio adulto e riflessivo è Carlo Valli, attore e doppiatore dalle indiscusse capacità, e voce storica di Robin Williams, interpretazione che nel 1995 gli è valsa il Nastro d’Argento come Miglior Doppiatore. Accanto a lui Cristina Giachero, una perfetta fata consapevole, al limite dell’inquietante, della sua irrealtà, Letizia Letza interpreta una moderna e seducente volpe. Infine le acrobazie di Materia Viva Performance danno vita a un quanto mai insolito e spettacolare grillo parlante, interpretato dal giovanissimo Lorenzo Grilli.