Le migliori fotografie
sono quelle che faresti non appena finito il rullino.

L'isola che non c'è

Nell’orfanotrofio S. Patrizio alloggiano 15 ragazzini tra i dieci e i quindici anni. La Direttrice dell’istituto, la Signora Costia, è una donna molto severa. Ogni momento della giornata è scandito da regole chiare e precise, che lei non dimentica mai di ricordare ai suoi ragazzi e ad ogni violazione di queste regole da parte di qualcuno segue immediata una punizione.

Tra i quindici ragazzi nascono scontri e simpatie. Caratteri differenti scandiscono il tempo tra le loro chiacchierate e i loro scambi d’opinione. Scherzi, confidenze, prove di fuga, incontri con famiglie di affidamento e colpi di scena nella storia tra queste mura.

Ma tutti i ragazzi sono d’accordo su un punto: quella direttrice è cattiva e insopportabile.

Un giorno qualcosa cambia.
La Direttrice subisce un incidente che la costringe ad un riposo forzato.
Arriva lei, la Signora P. (Valeria Valeri), la nuova insegnante di lettere assunta per un breve periodo di tempo finché la direttrice non sarà guarita. La Signora P. è convinta che si possano ottenere molti più risultati con la dolcezza che con i metodi autoritari vigenti nell’istituto.

Ma conquistare la fiducia di quei ragazzi non è semplice. La Signora P. un piano ce l’ha. Insegnerà a quei ragazzi, attraverso la magia del teatro, a credere nella vita, nei loro sogni, e a tirar fuori quel talento che c’è in ognuno di loro.

Ispirato al film “L’attimo fuggente”, L’isola che non c’è è la storia di una rivincita, di un incontro che può cambiare la vita.

Uno spettacolo rivoluzionario, una novità assoluta nel panorama teatrale italiano: per la prima volta sulla scena la regina del teatro italiano Valeria Valeri con “I Piccoli per caso”, la prima compagnia in Italia formata da bambini professionisti, piccoli talenti tra i 10 e i 15 anni diretti dagli autori e registi Guido Governale e Veruska Rossi.